Richiedi un appuntamento

Presentata la cucina reinterpretata dall’architetto Michele De Lucchi e sviluppata da Ernestomeda in collaborazione con Milano Contract District per Horti, il segreto di Porta Romana, lo sviluppo residenziale, firmato dallo studio aMDL dello stesso De Lucchi.

Il progetto di rivisitato dall’architetto De Lucchi reinterpreta uno dei modelli Ernestomeda di maggior successo in un’edizione speciale realizzata in esclusiva per le residenze Horti e prevista in capitolato per gli appartamenti realizzati negli edifici storici presenti. I pannelli della cucina, in frassino europeo, sono intagliati, scolpiti, incisi come le sculture e i progetti di ricerca in legno dell’architetto De Lucchi. In particolare, il disegno tridimensionale si ispira alla serie Cataste di Michele De Lucchi, costruzioni archetipiche ed evocative per cui “non esiterà mai un cambiamento d’uso, un adeguamento funzionale, una modifica tecnologica, una convenzione immobiliare, una perizia estimativa, un nuovo stile di vita che metterà in crisi il valore architettonico di una catasta di legno”.

Ernestomeda e Milano Contract District hanno ideato, ingegnerizzato e poi reso realtà un progetto con qualità e tratti altamente artigianali ma basato su processi industriali consolidati e qualitativamente impeccabili.

La nuova veste dei pannelli è stata creata grazie alla lavorazione del legno scavato a bassorilievo. Il ritmo della superficie è dettato da una trama di listelli regolari che esaltano i chiaroscuri e fanno vibrare la luce. Le tecnologie a disposizione di Ernestomeda e la scelta del frassino europeo, un legno indicato per la fresatura a controllo numerico, hanno permesso di sperimentare e definire una nuova pelle architettonica che ridefinisce la cucina come un oggetto dal valore estetico e simbolico.

La nuova cucina reinterpretata da Michele De Lucchi sarà elemento prezioso del progetto di interni pensato da Daniele Fiori – Studio DFA Partners, studiato in sintonia con le architetture degli edifici che compongono Horti.